Qualità e digitale - Parte 3 dello studio del Gruppo AFNOR

Facebook
Email
Twitter
LinkedIn

Dopo aver stabilito il legame tra Qualità e CSR nel precedente articolo, analizziamo ora il secondo pilastro della qualità di domani: il digitale.
Per questo importante studio internazionale del 2023, il gruppo AFNOR ha interpellato più di 1.300 responsabili della qualità in aziende di 37 nazionalità diverse.

Un'altra importante area di preoccupazione che i responsabili delle decisioni ritengono destinata a sconvolgere la qualità negli anni a venire è la tecnologia, più precisamente la tecnologia digitale, l'automazione e i dati...

Questo perché si pone la questione dell'adozione del digitale, spesso a causa delle disuguaglianze associate al suo utilizzo o alla priorità data al seguire le sue (crescenti) novità su scala globale.

Un decisore di qualità del Regno Unito condivide il suo punto di vista sui progressi della tecnologia digitale nel suo Paese: "L'automazione è in corso, sempre più lavoro viene svolto da remoto e l'uso dell'intelligenza artificiale è destinato a rivoluzionare tutti i settori .Possiamo già parlare di quarta rivoluzione industriale! Nella nostra attività, stiamo effettuando audit su aziende il cui lavoro quotidiano dei dipendenti si svolge essenzialmente nel cloud, senza uffici... stiamo effettuando audit a distanza con loro".

In India, tuttavia, c'è ancora molta strada da fare, perché le competenze e le conoscenze devono evolvere allo stesso ritmo della tecnologia. Come sottolinea un decision maker: "La sfida è portare la tecnologia e le conoscenze tecniche al passo con la consapevolezza e l'uso che ne fanno i dipendenti e i datori di lavoro".

La tecnologia digitale sta emergendo come soluzione per soddisfare i requisiti di qualità.

Per Stati Uniti, India e Messico, l'uso della tecnologia digitale è essenziale.

Alfabetizzazione digitale eterogenea
In Francia: "In linea di massima, oggi i dipartimenti di qualità si stanno muovendo verso una maggiore digitalizzazione delle loro attività. Ma questo cambiamento di rotta richiede tempo e le abitudini sono dure a morire! Ad esempio, 5 anni fa, mentre si diffondeva l'uso di documenti Word, i moduli d'ordine e altri documenti simili venivano ancora stampati e firmati a mano..." dice un professionista della qualità.

Nel settore digitale sono coinvolti diversi temi: data governance, intelligenza artificiale, industria del futuro, machine learning, qualità 4.0, blockchain e NFT.

Per il 24% degli intervistati, la governance dei dati e per il 21% l'intelligenza artificiale (AI) sono i temi più caldi per i decisori della qualità, indipendentemente dal fatto che stiano già lavorando su questi temi.

L'NFT e la blockchain sono meno al centro dell'attenzione e molte persone dichiarano di non avere familiarità con questi argomenti.

La tecnologia digitale come soluzione per soddisfare i requisiti di qualità
Nonostante queste differenze nella comprensione delle nuove tecnologie, c 'è unanimità quando si tratta di utilizzare la tecnologia digitale per soddisfare i requisiti di qualità, in particolare negli Stati Uniti, in India e in Messico.

Per il23% dei decisori, la tecnologia digitale è soprattutto un mezzo per anticipare le esigenze future (questo è ancora più vero in Francia).

Per i tedeschi, i britannici e gli americani, sono i problemi di "scaling up" ad essere evidenziati.

Gli strumenti per la tracciabilità in particolare (blockchain, NFT, ecc.) appaiono in fondo alla lista, con solo il 16% di argomenti di interesse per i decisori della qualità, senza dubbio a causa della mancanza di conoscenza di questi argomenti.

L'automazione per aumentare la qualità
Quasi 7 su 10 dei responsabili delle decisioni intervistati ritengono che l'automazione migliori la qualità dei processi e dei prodotti.

D'altra parte, gli investimenti non sembrano ancora commisurati all'enorme compito che questo rappresenta. Infatti, meno di un quarto dichiara che la propria organizzazione sta investendo nell'automazione per migliorare le prestazioni nell'area della qualità.

In tutti i casi, che si utilizzino o meno i dati, che si automatizzino o meno tutti o parte dei processi, l'essere umano sarà (per il momento) sempre davanti o dietro alla macchina. Come ci dicono questi decisori della qualità, non si può puntare tutto sulla tecnologia.

L'intelligenza umana rimane fondamentale. Questo decisore giapponese conferma che dovremo lavorare sul tema delle competenze: "Pensiamo che garantire le risorse umane sarà il problema più grande del futuro. Se non riusciamo a garantire il nostro personale, sarà difficile fornire servizi di buona qualità".

I dati per garantire e migliorare la qualità
Un altro tema importante è quello dei dati. Il campo sembra essere più avanzato di quello dell'automazione. Tre decisori su dieci sottolineano la maturità delle loro azioni. Per gli altri, c'è ancora del lavoro da fare.

Tuttavia, 7 responsabili della qualità su 10 in tutto il mondo vedono nei dati una leva per migliorare la qualità e sottolineano che una delle sfide principali è la sicurezza dei dati.

L'importanza dei dati è fondamentale in tutte le discussioni: sono visti come un vero e proprio asset strategico per l'azienda.

Ma la vera sfida sta nell' utilizzare e sfruttare tutti questi dati, perché, come ha detto un decisore tedesco:"Questo è il tema dell'Industria 4.0, ci sono sempre più dati raccolti, aggregati e immagazzinati di quanti ne servano alla fine, e spesso solo il 5% dei dati raccolti viene utilizzato in modo operativo e produttivo...".

In conclusione, l'uso della tecnologia digitale e lo sfruttamento dei dati sono diventati temi strategici per le aziende. Queste conoscenze vengono utilizzate per comprendere meglio i clienti, il mercato e gli sviluppi futuri!

Leggi di più

Scarica la sintesi dello studio internazionale sulla qualità
Per completare questo modulo, abilitare JavaScript nel browser.

Protezione e rispetto della privacy

Il trattamento dei dati personali è necessario per l'esame della Sua richiesta, fatta in qualità di professionista, al Gruppo AFNOR. Se necessario, questi dati possono essere utilizzati anche per inviarvi informazioni commerciali.

In conformità alla normativa europea vigente, avete il diritto di accesso, rettifica, cancellazione, revoca del consenso, limitazione del trattamento, opposizione al trattamento e portabilità dei vostri dati.

Tali diritti possono essere esercitati inviando un messaggio al DPO di AFNOR.

Per i francofoni: cliccare qui.

Per gli anglofoni: fare clic qui.


Informazioni dettagliate sull'utilizzo dei vostri dati e sull'esercizio dei vostri diritti sono disponibili nella Carta del Gruppo AFNOR sulla protezione dei dati personali e della privacy.

Fare clic qui per leggerlo.

Ultime notizie
dalla rete internazionale

Taiwan

A Taiwan, Jinzhou Machinery Industry Co., Ltd. verifica la propria impronta di carbonio con la certificazione ISO 14064-1

Jinzhou Machinery Industry Co, Ltd. è stata fondata nel 1990. È specializzata nella progettazione e produzione di ingrassatori manuali, ingrassatori pneumatici, accessori per ingrassatori, pistole sparachiodi manuali, pistole sparachiodi pneumatiche e utensili pneumatici speciali per l'automobile, l'aviazione e l'agricoltura. L'azienda fornisce

Per saperne di più "
Germania

Misurare l'impronta di carbonio utilizzando lo standard internazionale ISO 14067: uno strumento prezioso nella lotta al cambiamento climatico

Secondo il Global Footprint Network, un'organizzazione di ricerca internazionale che sviluppa e promuove strumenti per promuovere lo sviluppo sostenibile, ci troviamo in una situazione di deficit ecologico. Le conseguenze del cambiamento climatico sono già presenti oggi, come dimostra l'attuale 6° rapporto di valutazione del Gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico (IPCC). La lotta contro

Per saperne di più "
Notizie internazionali

Creazione di una nuova filiale in Croazia: AFNOR International rafforza la sua posizione in Europa

Un nuovo arrivato nel 2024: AFNOR Croatia d.o.o. Creazione di una nuova filiale in Croazia. AFNOR International si impegna a rafforzare la fiducia delle imprese certificando le loro soluzioni e i loro sistemi di gestione, nonché formando i loro dipendenti sulla base di standard internazionali. Con una rete globale di 37 uffici in tutto il mondo

Per saperne di più "
Notizie internazionali

La non qualità nell'industria, una miniera d'oro da sfruttare

Nell'industria, la non qualità è spesso equiparata agli scarti, ai prodotti non conformi destinati alla distruzione. Il costo della non qualità è quindi la perdita di profitto associata a questi scarti. C'è anche un costo per il marchio in termini di immagine. Ma in realtà questa è solo la punta dell'iceberg.

Per saperne di più "
Torna all'inizio
Vai al contenuto principale